Viagra assunto con alcol e droghe: l’allarme dei medici

shutterstock_146973536

Una nuova, preoccupante tendenza si sta diffondendo a macchia d’olio tra i giovani di tutto il mondo: ricorrere all’assunzione di farmaci come il Viagra in concomitanza con droghe e alcolici, alla stregua di vere e proprie sostanze per lo sballo ed il divertimento.

Ad evidenziare la nascita di questo nuovo fenomeno, ribattezzato “sextasy”, sono gli scienziati dell’università del New South Wales di Sydney. I giovani che si affidano al Viagra lo fanno per il solo gusto di potenziare le proprie performance a letto, pur non accusando alcun problema di impotenza sessuale, oppure per aumentare la sensazione di  euforia derivante dall’assunzione di alcol e di droghe come l’ecstasy.

Sempre in Australia, gli scienziati del National Drug and Alcohol Research Centre hanno espresso preoccupazione per quella che è stata definita come la “sindrome della serotonina”: il mix di Viagra e di sostanze come alcol e droghe, infatti, causerebbe un accumulo eccessivo del cosiddetto “ormone della felicità”, scatenando un rischio di non poco conto per la salute.

Da quando la vendita dietro prescrizione medica di farmaci anti impotenza come Viagra, Cialis e Levitra è stata consentita dalla Food and Drug Administration, 15 anni fa, milioni di uomini, soprattutto over 40, hanno avuto modo di lasciarsi alle spalle i problemi di erezione e convivere con una vita sessuale assai più serena ed appagante.

Negli ultimi anni, però, si sta registrando un aumento delle vendite piuttosto notevole anche tra i giovani con meno di 20 o 30 anni, una fascia di età in cui è abbastanza difficile avere a che fare con problemi di impotenza veri e propri. Questo perché il Viagra e i farmaci ad esso simili sono percepiti sempre di più come sostanze da assumere per divertimento, e non, invece, come farmaci veri e propri da prendere solo dietro prescrizione medica per trattare quella che è considerata una vera e propria patologia, ovvero l’impotenza.

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile

Impotenza: grazie allo sport il sesso è migliore, anche negli over 50

Martial-Arts-Man

Che lo sport faccia bene alla salute e sia una delle migliori soluzioni per la prevenzione e la cura di numerosi disturbi non è notizia nuova. Si sa che i benefici dati dall’attività motoria sono numerosi e possono fare la differenza sulla salute , a qualsiasi età.

I giovani che praticano regolarmente una qualsiasi attività sportiva hanno modo di rafforzare il sistema cardio-vascolare, l’apparato locomotore e il sistema immunitario, contribuendo al contempo a prevenire le più comuni patologie cardiache, ma anche diabete, ansia e stress. Negli adulti con più di 50 anni di età, invece, l’attività fisica potrebbe rientrare all’interno di una terapia giornaliera studiata appositamente per limitare l’impatto dei sintomi urinari (Lower Urinary Tract Symptoms) dati dall’ingrossamento della prostata e di prevenire l’insorgere della disfunzione erettile.

Numerosi studi internazionali confermano che gli over 50 per mantenersi in forma possono scegliere tra una vasta gamma di alternative: praticare uno sport in maniera costante, usare le scale invece dell’ascensore, uscire a fare shopping, ma anche dedicarsi ad attività casalinghe come portare fuori la spazzatura, spolverare, pulire i pavimenti, e via dicendo. Queste attività rappresenterebbero un valido aiuto per mantenersi attivi sotto il proflo sessuale, nonché a ridurre i sintomi urinari tra coloro che ne soffrono a causa dell’ingrossamento della prostata, un disturbo che colpisce in larga misura gli adulti di età superiore ai 50 anni.

L’iperplasia prostatica benigna è un disturbo che copisce circa 7 milioni di italiani ogni anno. Il legame che sussiste tra disfunzione erettile e sintomi urinari, così come quello tra sesso e benessere maschile e tra attività sportiva e funzionamento del sistema cardio vascolare è ormai chiaro; non è un caso che sia la disfunzione erettile, sia le malattie cardiache dipendano entrambe da un afflusso ridotto di sangue verso il pene e il cuore.

L’esercizio fisico, oltre ad aiutare a contrastare le malattie, sarebbe inoltre in grado di liberare le endorfine che influenzano il mantenimento di una vita sessuale soddisfacente. Tra le attività fisiche più indicate per coloro che soffrono di disfunzioni erettili o soffre di patologie prostatiche troviamo jogging, trekking e nuoto.

Gli appassionati di ciclismo, mountain bike ed equitazione farebbero meglio a prestare attenzione al proprio sport del cuore: è stato provato che i continui sobbalzi sulla sella o sul sellino possono sortire effetti negativi sul benessere dell’apparato sessuale e riproduttivo maschile.

L’anno nuovo è appena iniziato, perché non mettere subito in atto i buoni propositi per l’anno 2014 e trovare una o più attività sportive da seguire costantemente per restare in forma e migliorare la propra salute, a qualsiasi età?

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile

Gli uomini che soffrono di impotenza? Sono pigri, sovrappeso e fumatori

impotenzaSono pigri, sovrappeso e fumatori: secondo un recente studio è proprio questo il profilo poco incoraggiante degli uomini che soffrono di disfunzione erettile. Un disturbo molto più comune di quanto si potrebbe pensare, che coinvolge più di 150 milioni di uomini nel mondo e in un caso su 20 colpisce uomini giovani, con un’età compresa tra i 18 e i 39 anni.

Se è vero quindi che con l’avanzare dell’età episodi di disfunzione erettile sono molto più frequenti, è anche vero che questa patologia non si può assolutamente classificare come disturbo solo della terza età. Molto spesso, soprattutto quando il disturbo colpisce i giovani, è lo stile di vita a influire maggiormente. L’identikit emerso dalla ricerca condotta da un’equipe internazionale diretta da Emmanuele Jannini, andrologo dell’Università dell’Aquila, conferma proprio questa correlazione tra impotenza e stili di vita sbagliati: in generale gli uomini affetti da questo disturbo fanno poca attività fisica (6.1 volte al mese contro le 7 dei “sani”), hanno tassi maggiori di sovrappeso e obesità (72.5% contro il 56.4%), fumano e, in un caso su tre, vivono sotto la soglia di povertà.

Lo studio internazionale ha preso in esame oltre 28.000 uomini italiani, spagnoli, francesi, inglesi e tedeschi e gli ha somministrato test psicometrici riguardo alla propria qualità della vita, alla produttività sul lavoro e alla vita sessuale. I risultati fanno pensare: ben il 17% dei partecipanti ha rivelato di soffrire di impotenza, ovvero, se si considera che quelle analizzate sono le nazioni più popolose d’Europa, questo dato corrisponderebbe a circa 21 milioni di uomini su 125.

Ma i dati più preoccupanti devono ancora arrivare: sempre secondo i ricercatori, infatti, solo il 48% degli uomini affetti da disfunzione erettile consulta il medico, mentre la maggioranza spera semplicemente che il disturbo si risolva da sé, o preferisce addirittura convivere con il proprio problema piuttosto che affrontare la vergogna, seppur comprensibile, e rivolgersi a uno specialista. Inoltre, ben il 68% degli uomini europei affetti da disfunzione erettile non usa i farmaci anti impotenza anche quando gli vengono prescritti da un medico, perché li vede come una palese ammissione del proprio problema.

L’imbarazzo è quindi persino più forte del desiderio di risolvere il problema: gli uomini che soffrono di impotenza aspettano in media due o tre anni prima di rivolgersi al medico, convivendo non solo con il disturbo fisico ma anche con le sue conseguenze psicologiche ed emotive per un periodo di tempo davvero troppo lungo.

La vergogna è il peggior nemico di questi uomini e, se da una parte è comprensibile, dall’altra non fa che peggiorare il problema. Oggi, grazie alla grande disponibilità di informazioni anche online, dovrebbero forse essere gli uomini più giovani ad aprire la strada per tutti gli altri e iniziare ad abbattere questo tabù, superando il disagio e affrontando l’impotenza per quello che è: una reale patologia come tante, addirittura più diffusa di quanto si possa pensare, per cui non c’è assolutamente nulla di cui vergognarsi. La consulenza di un medico è il primo passo per abbattere questo muro di vergogna e riappropriarsi di una vita sessuale serena e appagante.

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile

Stendra presto anche in Italia

farmacista

Un nuovo passo avanti nel trattamento della disfunzione erettile: dopo l’approvazione negli Stati Uniti nel 2012 e quella da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco appena due mesi fa, arriverà a breve anche nelle farmacie italiane Stendra. Il farmaco, prodotto dalla casa farmaceutica Vivus, in Europa si chiamerà Spedra: Vivus ha, infatti, recentemente stipulato un accordo con Menarini per la commercializzazione in Australia, Nuova Zelanda ed Europa, Italia compresa, dove il lancio dovrebbe avvenire all’inizio del prossimo anno.

Insomma, un aiuto in più per i milioni di uomini che cercano di convivere con la disfunzione erettile: Spedra andrà, infatti, ad aggiungersi ai più famosi Viagra, Cialis e Levitra. Facendo parte della stessa categoria di farmaci, cioè degli inibitori dell’enzima fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5), Spedra avrà in comune con le “pillole sorelle” alcune caratteristiche: innanzitutto, come per il Viagra e il Cialis, non si potrà assumere Spedra se si usano farmaci contenenti nitrati, il farmaco non andrà preso in combinazione ad altri trattamenti per l’impotenza e l’alcool e i cibi eccessivamente grassi ne riducono i benefici.

Il nuovo farmaco sarà disponibile in compresse orali contenenti tre dosaggi diversi del principio attivo Avanafil: 50, 100 e 200 mg. A differenza degli altri medicinali per il trattamento della disfunzione erettile, Spedra agirà in soli 15-20 minuti, con un effetto della durata di circa un’ora (emivita plasmatica di circa 60-90 minuti). Ed è proprio questa rapidità di azione a rappresentare il suo tratto distintivo: veloci a iniziare ma anche a finire, come richiesto dai ritmi frenetici degli incontri amorosi ai giorni nostri. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, Spedra avanafil e gli altri trattamenti anti impotenza non differiscono di molto. Gli effetti collaterali che si sono manifestati maggiormente nei trial clinici sono mal di testa e congestione nasale, riscontrabili anche per gli altri medicinali simili.

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile

L’esercizio fisico combatte l’impotenza

rsz_sport_per_impotenza

Che lo sport faccia bene alla salute si sa, ma che a beneficiarne sia anche la salute sessuale è una scoperta recente. Uno studio della East Carolina University sugli effetti del cibo spazzatura sulla capacità erettile e la pratica dell’esercizio aerobico come possibile rimedio ha rivelato che, nelle forme di impotenza indotta dalla dieta, praticare esercizio fisico aiuta a invertire i sintomi del disturbo.

Le cause della disfunzione erettile possono essere fisiche, legate a una scarsa irrorazione sanguigna del pene, o psicologiche, che riguardano ben il 50% dei casi e dipendono soprattutto da stress, ansia da prestazione e depressione. Anche una dieta scorretta però può causare o aggravare i problemi di disfunzione erettile, e proprio in questo caso sembrerebbe che una sana attività sportiva possa aiutare.

Alcuni anni fa era stato lo studio del Center for Sexual Function della Cleveland Clinic Foundation a dimostrare la correlazione tra sport e miglioramento delle prestazioni sessuali per chi soffre di impotenza, esattamente per la stessa ragione per cui lo sport previene gli attacchi di cuore: impotenza e patologie cardiache dipendono infatti da un ridotto afflusso di sangue all’organo e l’esercizio aiuta a contrastare la comparsa di malattie dei vasi che impediscono al flusso sanguigno di irrorare a sufficienza il pene.

Pochi giorni fa è stato invece il ricercatore Christopher Wingard dell’Università dell’East Carolina a condurre una sperimentazione di 12 settimane su un gruppo di topi, sottoponendoli a una dieta ricca di grassi e zucchero, ma facendone esercitare regolarmente solo la metà.  Al termine della ricerca, i test sulla funzione erettile e sullo stato delle arterie coronarie degli animali hanno rivelato che solo i topi che si erano “allenati” quotidianamente erano riusciti a scongiurare il pericolo di diventare impotenti, mentre quelli con uno “stile di vita” sedentario avevano sviluppato una disfunzione erettile e presentavano arterie coronarie con una scarsa elasticità.

Secondo lo studio, quindi, l’esercizio fisico, in particolare quello aerobico, fungerebbe da agente protettivo nei confronti della salute delle arterie coronarie e della disfunzione erettile indotta dalla dieta. Bruciare circa quattromila calorie a settimana, correndo, nuotando o ballando per un’ora al giorno, può ridurre di circa l’80% il rischio di disfunzione erettile, se causata da scorrette abitudini alimentari o da uno stile di vita sedentario.

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile

Disturbi più comuni che condizionano il sesso

disturbi sessuali comuni

Le disfunzioni sessuali e i problemi che possono avere degli effetti sulla sessualità maschile sono molto più diffusi di quanto si possa pensare. Infatti, sono milioni gli uomini in tutto il mondo che si trovano a dover far fronte a disturbi che pregiudicano la loro vita sessuale e spesso, di conseguenza, anche i loro rapporti di coppia.

Il fatto è che la maggior parte degli uomini non è a conoscenza del fatto che siano in tanti a condividere questi problemi sotto le lenzuola e ha la percezione di far parte di una piccola minoranza anomala. L’imbarazzo e la frustazione che derivano da questo sentirsi “sbagliati” o “in minoranza” portano ad una riluttanza da parte di chi soffre di disfunzioni sessuali ad intraprendere un trattamento. Infatti, dalle statistiche – che sono solo parziali – risulta che un buon 70% di coloro che hanno problemi non si rivolge a nessun medico o specialista. In molti casi non si cerca nessuna soluzione e si prova ad ignorare il problema, in altri invece si opta per rimedi fai da te (i quali, oltre che inefficaci, possono essere più o meno pericolosi).

La tendenza generale è comunque quella di chiudersi in se stessi e aggirare il problema anche con il partner. Questo ovviamente va a creare tensioni nella coppia e può essere alla base di un allontanameno o addirittura di una rottura.

Ecco i 5 problemi che condizionano il sesso e di cui gli uomini non vogliono parlare…

  1. Disfunzione erettile o impotenza: un disturbo molto diffuso che colpisce più di 3 milioni di italiani. Si tratta di quella condizione per cui l’uomo non riesce ad avere o a mantenere un’erezione sufficiente per poter avere un rapporto sessuale. E’ molto frequente in età più adulta, ma circa il 40% degli uomini che ne soffrono risulta essere nella fascia tra i 25 e i 45 anni di età. Le cause possono essere sia organiche che psicologiche, e in alcuni casi sono legate allo stile di vita e a problemi comportamentali. Tra i trattamenti più efficaci e utilizzati ci sono farmaci come Viagra, Cialis e Levitra.
  2. Eiaculazione precoce: è la disfunzione sessuale più comune e ne soffre circa il 33% della popolazione maschile. Consiste nell’incapacità o difficoltà di controllo da parte dell’uomo del riflesso eiaculatorio. Generalmente si ha questo problema quando l’eiaculazione avviene prima o entro i 2 minuti dalla penetrazione, o comunque in tempistiche troppo brevi da poter avere un rapporto sessuale soddisfacente. Le cause nella maggior parte dei casi sono psicologiche, ma in alcuni casi possono essere organiche. Per il trattamento di questa condizione esistono alcune creme o spray per uso topico e un solo farmaco per via orale, il Priligy, a base di dapoxetina.
  3. Induratio penis plastica: detta anche Morbo di La Peyronie. Questo problema ha un’incidenza abbastanza rara e di solito colpisce gli uomini al di sopra dei 40 anni, ma in alcuni casi si presenta anche prima. Si tratta di una condizione caratterizzata da una curvatura del pene dovuta ad una lesione fibrosa, la cosiddetta placca o nodulo, che può causare dolore al momento dell’erezione e rendere l’atto sessuale difficile o addirittura impossibile. La curvatura può essere sia verso l’alto che verso il basso o di lato. Le cause non sono ben note ancora, ma si ritiene che traumi, microtraumi e predisposizione genetica possano essere alla base di questa patologia. Esistono varie opzioni di trattamento a seconda della gravità del caso. Quando la curvature causa dolore e rende difficoltosi i rapporti solitamente si opta per l’intervento chirurgico. Oltre alla chirurgia si stanno esplorando terapie farmacologiche che includono farmaci per uso orale come anche iniezioni di collagenasi.
  4. Testosterone basso: il testosterone è il più importante degli ormoni maschili e aiuta a mantenere la libido, favorisce la produzione di sperma e lo sviluppo di muscoli e massa corporea. Con bassi livelli di testosterone si ha un calo della libido e sbalzi di umore repentini. Per riconoscere il problema bastano dei semplici esami del sangue. Una volta appurato che il livelli di testosterone sono bassi si discutono le possibilità di trattamento con il proprio medico. Una delle possibili opzioni è la terapia ormonale sostitutiva.
  5. Incontinenza urinaria da stress o da sforzo: un problema comune che porta a perdite involontarie di urina in seguito all’aumento della pressione intra-addominale. Questo problema se si presenta al momento del rapporto può portare imbarazzo e avere un forte impatto sulla vita sessuale. Le cause potrebbero essere Danni al pavimento pelvico o lesioni alle terminazioni nervose che controllano gli sfinteri dell’uretra. Questa condizione spesso è dovuta e presente in concomitanza con altre patologie e quindi può non essere riconosciuta con facilità. Comunque questo è un problem ache può essere trattato sia con i farmaci che con terapie comportamentali.

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile

Viagra generico online: quali sono i rischi?

viagra generico

Il Viagra è il farmaco più acquistato online, ma anche uno dei più contraffatti al mondo. Non si contano i siti che sul web offrono la possibilità di acquistare Viagra generico online, a basso costo e magari senza ricetta. La formula migliore per chi vuole evitare di andare da un medico perché magari prova imbarazzo per i propri problemi di erezione e per chi vuole risparmiare un po’ di soldi – soprattutto in tempo di crisi…

Agli uomini “imbarazzati” e con il portafoglio che piange si aggiungono poi coloro che non hanno reali problemi di impotenza, ma vogliono acquistare il Viagra solo per migliorare le loro prestazioni sessuali e per provare il brivido della ‘pillola blu’.

Ormai tutti sanno che acquistando i farmaci generici si possono avere gli stessi benefici ad un prezzo minore. Ma quanti sanno invece che vendere e acquistare farmaci generici online prima che questi vengano autorizzati è illegale?

E soprattutto quanti sanno quali sono i rischi a cui vanno incontro acquistando dei farmaci non autorizzati e magari senza prescrizione medica?

I medicinali attualmente offerti online come Viagra generico sono frutto di formulazioni non controllate. Nessuno sa quali siano i principi attivi e gli eccipienti contenuti, quali siano i processi produttivi o da dove vengano questi farmaci. La pericolosità è molto alta, dato soprattutto che non si tratta di medicinali autorizzati e controllati dalle autorità competenti.

Il basso costo insomma – per quanto possa fare gola a molti – è proprio il segnale che non si tratta di farmaci sicuri e dovrebbe scoraggiare l’acquisto. Per non parlare poi dell’offerta del Viagra senza ricetta…Infatti il suo principio attivo, il Sildenafil, è un vasodilatatore e può causare problemi cardiovascolari e di ipertensione. Per questo motivo NON può essere venduto o acquistato senza prescrizione medica.

Per essere chiari, i rischi legati all’assunzione di farmaci generici non autorizzati o farmaci contraffatti consistono nel fatto che le sostanze contenute nel medicinale possono essere tossiche o in dosi pericolose per la salute.

Al momento in Europa la casa farmaceutica Pfizer è l’unica autorizzata al commercio del Viagra e nessun tipo di generico può essere legalmente venduto nei paesi dell’UE. In Italia il brevetto del Viagra scadrà il 22 giugno 2013. Dal momento della scadenza sarà possibile acquistare anche Sildenafil generico prodotto da altre case farmaceutiche, le quali potranno comunque mettere in commercio solo farmaci autorizzati dalle autorità competenti.

Fino a quel momento quindi bisognerà sempre tenere a mente che è ILLEGALE acquistare Viagra generico e che i siti che lo propongono non sono autorizzati al commercio. Quando si acquista online la cautela deve essere tanta…

Diffidate da siti che vi offrono Viagra generico a prezzi stracciati o senza ricetta! Se tenete alla vostra salute acquistate solo Viagra originale da farmacie e cliniche online autorizzate.

Perchè rischiare addirittura la morte soltanto per risparmiare un po’?

Nel frattempo attenderemo che il mercato dei generici sia regolato e di vedere quali saranno le case farmaceutiche che potranno commercializzare il Viagra generico dal mese di giugno in poi.

Segui Lui a Letto su Facebook per consigli e curiosità su salute sessuale e sessualità maschile